©Alexander Gronsky_Press 03_-2.jpg

ALEXANDER
GRONSKY

REENACT/REPEAT

Negli ultimi anni Alexander Gronsky ha catturato paesaggi e scenari con un’ossessione in mente: documentare un mondo in costante ripetizione di se stesso, catturando anche il grottesco. Le questioni che esplora nel suo lavoro non riguardano principalmente la realtà post-sovietica, ma piuttosto l’universalità. In questa serie le immagini di rievocazioni militari pubbliche in Ucraina e Russia girate nel 2013-14 rappresentano un duro promemoria di come la finzione spesso sostituisca la realtà e in alcuni casi, la preveda.

 

Nato a Tallinn, in Estonia, nel 1980, Alexander Gronsky attualmente vive e lavora a Mosca, in Russia. La sua pratica fotografica si concentra sui paesaggi. Abbandonati e silenziosi, offrono una riflessione sull’impatto dell'ambiente sulle popolazioni locali e una riflessione sulla ripetizione e anticipazione dei desideri nelle nostre società.

For the last few years Alexander Gronsky has been capturing landscapes and scenarios with one obsession in mind: to document a world in constant repetition of itself, even capturing the grotesque. The issues he explore in his work are not concerned primarily with the post-soviet reality, but rather with universality. In this series the images of public military re-enactmens in Ukraine and Russia shot in 2013-14 stand as a harsh reminder of how fiction often stands in for reality, and in some cases previews it. 

 

Born in Tallinn, Estonia in 1980, Alexander Gronsky currently lives and works in Moscow, Russia. His photographic practice focuses on landscapes. Abandoned and quiet, they offer a reflection on the impact of the environment on local populations as well as a reflection on the repetition and anticipation of desires in our societies.